Uniplus Adulti e Bambini 10 Supposte

2,795,67

Uniplus serve per trattare le infiammazioni delle vie aeree superiori o in caso di infezioni dell’orecchio, malattie reumatiche, pulpiti, parodontiti e nel trattamento delle malattie influenzali.

Svuota
COD: N/A Categoria:

Descrizione

Uniplus, in comodo blister da 10 supposte, è un valido prodotto che può essere utilizzato sia da bambini che dagli adulti per trattare le infiammazioni a carico delle vie aeree superiori (tonsilliti, faringiti, sinusiti, tracheobronchiti) o in caso di infezioni dell’orecchio, malattie reumatiche, pulpiti, parodontiti e nel trattamento delle malattie influenzali.

Molti bambini superano il mal di gola cronico man mano che il loro sistema immunitario si rafforza. Per i bambini con problemi cronici, trattamenti come antibiotici, antistaminici e possibili procedure come la tonsillectomia potrebbero essere indicati per aiutarli a tornare alle loro normali attività.

Uniplus supposte costituisce un valido supporto soprattutto per il trattamento di mal di gola e tonsilliti. La tonsillite è spesso causata da virus comuni, ma anche le infezioni batteriche possono esserne la causa. Alcuni ceppi di streptococco e altri batteri possono causare la tonsillite.

I fattori di rischio per la tonsillite sono:

  • Giovane età. La tonsillite colpisce più spesso i bambini e la tonsillite causata da batteri è più comune nei bambini di età compresa tra i 5 e i 15 anni.
  • Esposizione frequente ai germi. I bambini in età scolare sono a stretto contatto con i loro coetanei e sono spesso esposti a virus o batteri che possono causare la tonsillite.

Uniplus supposte, a cosa serve

Uniplus, in comodo formato da 10 supposte, si usa secondo la seguente dosi: 1 supposta due o tre volte al giorno. A causa della presenza di propifenazone, dosi elevate e trattamenti prolungati con il prodotto possono causare danni al sangue in soggetti ipersensibili.

Durante i trattamenti prolungati, si raccomandano controlli periodici dell’emocromo. Tra le controindicazioni possiamo annoverare un’elevata ipersensibilità già nota verso i componenti. Inoltre, non va somministrato nei bambini sotto i 2 mesi di età.

In casi più gravi possono verificarsi: granulocitopenia, porfiria intermittente acuta, insufficienza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi. Sebbene non siano stati dimostrati effetti teratogeni negli animali, nelle donne in gravidanza il farmaco deve essere usato solo in caso di effettiva necessità; nelle donne che allattano, deve essere considerata la possibilità che i principi attivi contenuti nel prodotto vengano escreti con il latte.

La data di scadenza indicata sulla confezione va sempre controllata, come di buona norma. La data di scadenza che viene indicata sul retro della confezione si riferisce al prodotto in confezione integra, correttamente conservato.

Il prodotto va conservato ad una temperatura al di sotto dei 30°C.Non utilizzare il prodotto dopo la data di scadenza indicata sulla stessa confezione. Uniplus supposte bambini contiene oxolamina citrato g 0,125, propifenazone g 0,150 (principio attivo). Tra gli eccipienti: gliceridi semisintetici g 1,400.

Uniplus principio attivo

Supposte Uniplus, è a base di oxolamina citrato g 0,125 e propifenazone g 0,150, che costituiscono i 2 principi attivi. L’oxolamina è indicata nel trattamento della tosse o dell’infiammazione del tratto respiratorio superiore.

Il citrato di oxolamina mostra anche un effetto antinfiammatorio. L’oxolamina citrato è un agente antinfiammatorio orale con particolare attività antitussiva. L’oxolamina ha anche azioni analgesiche e antispastiche.

Allevia la tosse ed elimina i processi irritativi, infiammatori e spastici. L’oxolamina inibisce la formazione di acido N-acetilneuraminico, che è un segnale d’allarme precoce e sensibile dell’infiammazione. Il propienazone (noto come isopropilantipirina in Giappone) è un derivato del fenazone con effetti analgesici e antipiretici simili.

Originariamente brevettato nel 1931 il propifenazone è commercializzato come formulazione combinata con paracetamolo e caffeina per il trattamento del disturbo primario di mal di testa. Il propifenazone, un derivato del pirazolone con attività antinfiammatoria, analgesica e antipiretica, è stato introdotto nel 1951 per il trattamento dei disturbi reumatici.

Essendo strutturalmente legato all’aminofenazone, è stato associato a gravi discrasie ematiche. Tuttavia, non può essere trasformato in nitrosammine potenzialmente cancerogene ed è stato quindi ampiamente utilizzato come farmaco sostitutivo dell’aminofenazone.

In alcuni paesi, i prodotti contenenti propifenazone sono stati limitati nelle loro indicazioni, mentre in altri sono ancora disponibili, a volte come preparati da banco.

Uniplus bambini

Uniplus bambini supposte appartiene alla categoria degli analgesici FANS, ossia quegli antinfiammatori non steroidei utilizzati per alleviare il dolore e ridurre gli stati infiammatori che possono presentarsi in diverse parti del nostro corpo.

Viene infatti utilizzato nel trattamento delle infiammazioni delle vie aeree superiori (sinusite, tonsillite, faringite, tracheobronchite), otite, pulpite, parodontite e come trattamento sintomatico dell’influenza e degli stati febbrili. Ogni supposta per bambini Uniplus contiene principi attivi di oxolamina citrato g 0,125; propifenazone g 0,150. Tra gli eccipienti che lo compongono annoveriamo i gliceridi semisintetici g 1,400.

Uniplus bambini supposte va utilizzato sempre seguendo le dosi raccomandate ovvero: bambini di età superiore ai 2 anni: 1 supposta due-tre volte al giorno, secondo il parere del proprio medico.

Bambini da 6 mesi a 2 anni: 1 supposta due-tre volte al giorno, secondo l’età e il parere del proprio medico. A causa della presenza di propifenazone, dosi elevate e un trattamento prolungato con il prodotto possono causare danni al sangue in soggetti ipersensibili.

Se il trattamento dovesse protrarsi per più tempo rispetto alla normale indicazione, si raccomanderebbero controlli periodici dei crolli ematici. Il prodotto va tenuto in un luogo sicuro, in un ambiente che non superi i 30 gradi Celsius e fuori dalla portata dei bambini.

Supposte Uniplus come analgesico FANS

Supposte Uniplus fa parte degli analgesici FANS. Più di 20 diversi prodotti antinfiammatori non steroidei (FANS) sono disponibili in commercio, e questi agenti sono usati in tutto il mondo per i loro effetti analgesici, antipiretici e antinfiammatori in pazienti con diverse condizioni mediche.

I FANS, inclusa l’aspirina, generalmente non cambiano il corso del processo della malattia in queste condizioni, dove sono usati per il sollievo sintomatico. La maggior parte dei FANS sono assorbiti completamente, hanno un metabolismo epatico di primo passaggio trascurabile, sono strettamente legati alle proteine del siero e hanno piccoli volumi di distribuzione.

I FANS subiscono trasformazioni epatiche variamente da CYP2C8, 2C9, 2C19 e/o glucuronidazione. Le emivite dei FANS variano ma in generale possono essere divise in “a breve durata d’azione” (meno di sei ore, compresi ibuprofene, diclofenac, ketoprofene e indometacina) e “a lunga durata d’azione” (più di sei ore).

I pazienti con ipoalbuminemia (dovuta, per esempio, a cirrosi o artrite reumatoide attiva) possono avere una maggiore concentrazione sierica libera del farmaco.

La valutazione della tossicità e della risposta terapeutica a un dato FANS deve tener conto del tempo necessario per raggiungere la concentrazione plasmatica allo stato stazionario (approssimativamente pari a tre-cinque emivite del farmaco).

La patogenesi della malattia sintomatica dell’ulcera peptica causata dall’esposizione ai FANS è principalmente una conseguenza dell’inibizione sistemica (post-assorbitiva) dell’attività della cicloossigenasi (COX) della mucosa gastrointestinale.

Uniplus bambini controindicazioni

Un effetto collaterale di qualsiasi prodotto può essere definito come l’effetto indesiderato o prodotto dallo stesso. L’effetto collaterale può essere maggiore o in alcuni prodotti minore e può essere ignorato. Gli effetti collaterali non solo variano da prodotto a prodotto, ma dipendono anche dalla dose somministrata, dalla sensibilità individuale della persona, dalla marca o dalla società che lo produce.

Se gli effetti collaterali superano l’effetto reale del prodotto, può essere difficile convincere il paziente ad assumerlo. Pochi pazienti hanno effetti collaterali specifici a determinati prodotti. In questo caso, il medico sostituisce il prodotto che si sta assumendo con un altro.

Se avverti qualche effetto collaterale che ti provoca un qualsiasi tipo di disturbo, sarebbe necessario ed opportuno condividerlo con il proprio medico curante. La controindicazione può essere descritta come una circostanza speciale o una malattia o una condizione in cui non si dovrebbe usare il prodotto o sottoporsi a un trattamento particolare perché può danneggiare il paziente.

A volte, può anche essere pericoloso e minacciare la vita. Quando una procedura non dovrebbe essere combinata con un’altra procedura o quando un prodotto non può essere presa con un altro prodotto, parliamo di controindicazione relativa.

Le controindicazioni dovrebbero essere prese seriamente in quanto sono basate sull’esperienza clinica relativa dei fornitori di assistenza sanitaria o da risultati di ricerca provati. Nel caso di Uniplus, dosi elevate e trattamenti prolungati possono generare danni al sangue in soggetti ipersensibili.

Se il trattamento dovesse prolungarsi, controlli periodici dell’emocromo sarebbero raccomandabili.

Trattare le infiammazioni a carico delle vie aeree superiori

Nessun bambino dovrebbe avere a che fare con il mal di gola cronico. Qualsiasi malattia cronica porta i bambini fuori dalla loro routine quotidiana e il mal di gola può essere doloroso. Forse hai visitato il tuo medico di famiglia e li hai sentiti attribuire il mal di gola di tuo figlio allo streptococco, alla sinusite, alla tonsillite o a tutte e tre le cose in tempi diversi.

Tonsillite: è un’infezione delle tonsille causata da qualsiasi virus o batterio. Può essere acuta o cronica. Le infezioni che causano la tonsillite possono viaggiare e causare la sinusite. Le tonsille sono tessuto immunitario che aiuta il corpo a rilevare e reagire a qualsiasi germe che potremmo mangiare, bere o inalare.

Quando rilevano una minaccia, dicono al nostro corpo di lanciare le sue risposte immunitarie iniziali. Ci sono quattro serie, ma di solito pensiamo alle “tonsille” come alla coppia vicino alla parte posteriore della nostra gola. Anche le adenoidi, che sono più indietro e in alto nelle vie respiratorie, sono tonsille.

Le nostre tonsille sono costantemente esposte a batteri e virus. Mentre è normale che si gonfino un po’ mentre stiamo combattendo un’infezione, anche le tonsille stesse possono infettarsi.

Gola streptococcica: è un’infezione batterica specifica della gola. Può essere acuta o ricorrente. Poiché infetta i tessuti della gola, lo streptococco può causare la tonsillite.

Sinusite: è un’infezione dei seni causata da qualsiasi virus o batterio. Può essere cronica o acuta. Le infezioni che causano la sinusite possono causare la tonsillite.

Le infezioni a carico delle vie aeree superiori: sintomatologia

La tonsillite diventa cronica quando un’infezione prende piede nelle pieghe del tessuto tonsillare. È anche possibile che le tonsille si ingrossino senza essere infette. Questa condizione, chiamata ipertrofia, è spesso causata da allergie. Può portare a difficoltà respiratorie, apnea ostruttiva del sonno e infezioni croniche dell’orecchio.

I segni della tonsillite includono: tonsille infiammate, forte mal di gola, alito cattivo, difficoltà di deglutizione, pus sulle tonsille, febbre, linfonodi cervicali ingrossati. Lo streptococco è causato dal ceppo batterico specifico della faringite streptococcica.

È altamente contagioso, si diffonde quando qualcuno tossisce, starnutisce, condivide bevande o tocca vicino alla bocca o al naso prima di toccare una superficie condivisa. È un’infezione comune a fine inverno e inizio primavera, e i bambini sono più suscettibili degli adulti.

I medici possono facilmente testare per lo streptococco usando un tampone della gola e un rapido test in ufficio. I test non controllano direttamente lo streptococco. Controllano per vedere se il corpo sta producendo anticorpi chimicamente progettati per combattere il batterio streptococco.

Poiché la maggior parte dei mal di gola sono causati da virus, le prescrizioni di antibiotici sono solitamente riservate alle infezioni da streptococco confermate. I segni dello streptococco includono: mal di gola, febbre, pus sulle tonsille, linfonodi cervicali ingrossati.

Lo streptococco può diventare ricorrente in diverse condizioni. Lo streptococco prende piede nelle tonsille del tuo bambino e ritorna ripetutamente. Può anche diventare ricorrente nei bambini con un sistema immunitario indebolito o nelle famiglie in cui un membro della famiglia è un portatore asintomatico.

Sinusite: sintomatologia

La sinusite colpisce è un’infiammazione a carico delle prime vie aeree e colpisce adulti e bambini. Nel nostro cranio ci sono sei cavità chiamate sinusiti. Ne abbiamo uno sopra ogni sopracciglio, uno all’angolo interno di ogni occhio e uno su entrambi i lati del naso.

Sono pieni di membrane mucose, da cui dipendiamo per secernere il muco che mantiene l’aria che respiriamo nei nostri polmoni calda, umida e libera da detriti indesiderati. Quando i germi rimangono intrappolati nelle nostre membrane mucose, le membrane si infettano.

Questo è chiamato sinusite, o un’infezione del seno. Sono più comuni nei bambini con allergie perché le loro membrane mucose sono costantemente infiammate. L’infiammazione cronica impedisce un corretto drenaggio e i germi intrappolati si insediano.

I segni più comuni ed evidenti della sinusite includono: mal di gola, febbre, naso chiuso, naso che cola con muco giallo, verde o sanguinolento, dolore e infezione all’orecchio, dolore e pressione intorno ai seni.La sinusite cronica è solitamente legata alle allergie.

Tuttavia, poiché i seni e le tonsille sono vicini l’uno all’altro, è comune che l’infezione viaggi tra i due. Un’infezione cronica in uno può facilmente causare un’infezione nell’altro. Le vie respiratorie più corte dei bambini rendono ancora più facile la diffusione dell’infezione in questo modo.

Segui il nostro blog, oppure visita i nostri profili social!

Informazioni aggiuntive

Formato

Adulti 10 Supposte 250mg+350mg, Bambini 10 Supposte 125mg+150mg, Prima Infanzia 10 Supposte 60mg+50mg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Uniplus Adulti e Bambini 10 Supposte”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.