Cosa servono e che funzione hanno i reni

La prima tra le funzioni svolte dai reni è sicuramente quella della produzione di urina. Essi si trovano ai lati della colonna vertebrale tra l’undicesima e vertebra toracica e la seconda/terza lombare.

Mentre il destro si trova al di sotto del rene, il sinistro è dietro alla pizza. si caratterizzano per la forma a fagiolo e per la grandezza che non supera i 12 cm. Ognuno dei reni pesa tra i 110 e i 130 grammi circa.

Si tratta di organi dell’addome indispensabili per il corpo umano. I filtri del corpo umano, che consentono l’eliminazione delle sostanze estrane.

Inoltre vigilano sul corretto equilibrio idrogeologico-salino e acido-basico del sangue.

Cosa sono i reni

La posizione di questi due importanti organi è nell’addome, essi hanno una forma di fagiolo e sono situati precisamente ai lati delle ultime vertebre toraciche e delle prime vertebre lombari. Essi sono destinati allo svolgimento di funzioni veramente molto importanti.

Innanzitutto sono dei filtri che permettono l’eliminazione di sostanze estranee e dannose al corpo. Oltre a questo sono in grado di regolare gli equilibri idrogeologico-salini e acido-base del sangue,

Ma proprio a livello renale avviene anche la sintesi di eritropoietina un ormone responsabile della produzione dei globuli rossi e di renino un enzima che regola la sintesi ormonale e regola la quantità di sodio. In altre parole, sembra essere chiaro che i reni sono organi essenziali per l’individuo e proprio per questo motivo chi soffre di patologie importanti deve periodicamente sottoporsi a dialisi, terapia che procede con la purificazione del sangue.

Questo non vuol dire che non sia comunque possibile vivere anche con un solo rene, purché sia funzionante. Questi 2 fagioli sono i protagonisti dell’apparato urinario che comprende anche 2 ureteri, la vescica, l’uretra.

I primi sono 2 strutture tubolari che trasportano l’urina alla vescica. Questa è un organo cavo muscolomembranoso che immagazzina l’urina prima che avvenga la minzione.

L’uretra è un tubicino che espelle l’urina.

Anatomia

I reni sono nella cavità addominale hanno un colore rosso scuro, sono simmetrici e lunghi circa 10 cm. L’unità funzionale di questo organo è il nefrone un tubo microscopico che svolge le maggiori funzioni dell’organi.

In altre parole il neurone p in grado di filtrare il sangue e andare a raccogliere tutti gli elementi di scarto che poi formeranno l’urina. Quello che viene ricavato dalla filtrazione confluisce nella pelvi renale e grazie all’uretere va nella vescica.

In ogni rene sono presenti più di un milione di nefroni in cui si può riconoscere un polo vascolare dove il sangue da filtrare fluisce. La parte vascolare di questi organi si compone dell’arteriosa afferente che si dirama come un gomitolo in una fitta rete di capillari, il glomerulo, dove si genere il filtrato.

Successivamente il sangue confluisce in un altro vaso che viene chiamato arteriosa efferente. Si parla di arteriole e non di venute semplicemente perchè si tratta si sangue arterioso e non venoso per il quale si procede semplicemente a una setacciatura.

a cosa servono i reni

Dal glomerulo il sangue viene filtrato e raccolto nella capsula di Bowman da cui hanno origine di tuboli che formano l’ansa di Henle. Una serie di tubuli che arrivano da diversi nefroni confluiscono nel tubulo collettore dove si raccoglie l’urina di scarta.

Entrambe i reni ricevano una grande quantità di sangue dall’arteria renale che viene filtrato per poi confluire nella vena cava.

Rene destro VS rene sinistro

I reni non sono perfettamente simmetrici tra di loro. Infatti quello destro è leggermente più in base di quello sinistro.

Questa conformazione è indispensabile per lasciare spazio al fegato che è comunque un organo piuttosto voluminoso. La diversa posizione fa in modo che il rapporto dei 2 reni con la colonna vertebrale sia leggermente diverso.

Mentre largano sinistro si trova tra la vertebra T12 e la L2, il destro tra la L1 e la L3. Quindi è possibile affermare che i due organi a forma di fagiolo occupano in maniera differente la loro zona lombare, pur avendo sempre un’estensione di 3 vertebre.

In posizione esterna rispetto al peritoneo una membrana sierosa che avvolge buona parte degli organi presenti nella zona addominale. Il perineo è anche il rivestimento della cavità addominale e pelvica.

Ovvio che, a differenza di quello che può sembrare, i reni non sono certo isolati all’interno dell’addome. Il destro confinano con il surrenedestro nella parte superiore, il fegato, duodeno, flessura destra del colon, diaframma, XII costola destra, nervi sottocostali, ileoipogastico, ileoinguinale,.

Il sinistro, invece, oltre al surrene sinistro, ha vicino: la milza, stomaco, pancreas, flessura sinistra del color, intestino digiuno, diaframma, XI e XII costola sinistra, nervi sottopostali sinistri, ileoipogastrico sinistro, ileoinguinale sinistro.

A cosa servono

2 sono le funzioni che vengono svolte dagli organi a forma di fagiolo. Regolano la concentrazione di acqua e soluti, eliminano le sostanze dannose.

Tra le due, la prima è la più importante in quanto l’alterazione del livello ionico potrebbe essere causa dell’insorgere di gravi patologie, con accumulo di scorie metanboliche. Ogni nefrone si occupa di filtrazione, riassorbimento/secrezione ed escrezione in maniera completamente indipendente.

Tra i capillari glomeruli e la capsula di Bowman avviene il processo di filtrazione del plasma. In seguito a tale azione deve anche avvenire il riassorbimento selettivo delle sostanze che non dovrebbero essere eliminate.

Ciò che non passa attraverso la filtrazione sono i globuli rossi, bianchi, piastrine ed alcune proteine di grandezza maggiore. A seguito del lavoro di filtraggio, si procede poi con il riassorbimento con recuserò di acqua e soluti filtrati che passano nei tubuli dei capillari sanguigni.

In particolare gli elementi riassorbiti sono acqua e tutti le sostanze che si staccano dalla preurina e tornano nel circolo sanguigno. Tra di esse: glucosio, proteine di piccole dimensioni, vitamine, amminoacidi, acqua e sali minerali.

Il meccanismo inverso a quello appena visto è la secrezione grazie al quale vengono filtrate tutte le sostanze potenzialmente dannose per l’organismo, compresi i farmaci o perlomeno la parte di essi che non è utile al corpo. Per concludere questo processo, si procede con l’escrezione che consiste con l’eliminazione dell’urina. Il suo quantitativo equivale al volume filtrato al netto di quello riassorbito.

Riassumendo con alcuni numeri è possibile affermare che attraverso i reni passano 700 ml di plasma al minuti, 125 sono filtrati, per la produzione di 180 litri di pleurica al giorno. Solo l’1% di questa grandissima quantità viene poi eliminato, il resto riassorbito.

Il corretto funzionamento

Considerado il ruolo di grande importanza che ricoprono i reni, occorre occuparsi del loro corretto funzionamento. Può succede che l’eliminazione delle sostanze dannose non avvenga nella maniera giusta e questo può essere causa di un innalzamento dell’acidità del sangue.

Oltre all’acidosi sono sintomi classici di un errato funzionamento dei reni: l’anemia, un aumento del livello di fosforo nel sangue, alterazioni a livello osseo, delle pareti arteriose, ipertensione, edema. Non mancano poi patologie cardiovascolari, infiammazioni.

Per permettere a questi piccoli organi di funzionare nella maniera corretta è indispensabile che si conduca uno stile di vista sano fin dalla prima infanzia. Occorre una dieta povera di sale e un costante esercizio fisico che contrasti il sovrappeso e le malattie metaboliche.

Importante poi non esagerare con l’alcol. Prendersi cura dei propri reni è indispensabile.

Essi continuano a lavorare anche ai limiti di quelle che sono le loro capacità. In effetti è possibile arrivare a perdere fino al 95% della loro funzionalità e non accorgersene in alcun modo.

Non è un caso se si afferma che le malattie renali sono definite silenti, esse fanno notare dei segnali solo quando ormai è troppo tardi per intervenire in maniera preventiva. Questo è il motivo per cui, nella maggior parte dei casi si finisce per dover affrontare o la dialisi o un trapianto.

Ecco per quale motivo gli esperti consigliano di idratarsi in maniera regolare, seguire una dieta che sia varia ed equilibrata, evitare il consumo eccessivo di sale, non fumare, dedicarsi all’attività fisica. Ma ancora più importante è sottoporsi a dei controlli periodici che siano in grado di rilevare anticipatamente i primi segnali di malattie renali.

Solo in questa maniera sarà possibile procedere con delle terapie specifiche che blocchino l’avanzare della malattia.

I segnali da non sottovalutare

Questi due fagioli sono un po’ sottovalutati, forse perchè svolgono il loro lavoro in maniera silenziosa senza dare nessun segnale né del coretto funzionamento che di eventuali problematiche. Ma nel mondo sono ben 850 milioni le persone che soffrono di malattie renali.

In Italia 2 milioni di soggetti hanno queste problematica. In molti casi si presentano in forme croniche e mietono ben 2 milioni e mezzo di vittime all’anno.

Il 10% della popolazione è colpita da una malattia renale cronica e il 60% neanche si accorge di averla. I reni non smettono di funzionare dall’oggi al domani, ma avviene una riduzione delle funzionalità lenta e progressiva.

Proprio questo permette all’organismo in qualche modo di adeguarsi fino a quando i reni non soffrono eccessivamente. Questo spirito di adattamento fa in modo che il paziente non si accorga di nulla fino al momento in cui la problematica è in fase molto avanzata.

Ci sono comunque delle condizioni di rischio che gli esperti consigliano di tenere sotto controllo, in particolare, l’invecchiamento, con controlli periodici dopo i 65 anni, ipertensione arteriosa, diabete, assunzione per tempi prolungati di farmaci, ipercolesterolemia grave, obesità, vita sedentaria, propensione allo sviluppo di calcoli renali, infezioni urinarie che si presentano in maniera frequente, ostruzioni urinarie, precedenti malattie renali, malattie immunologiche e infine anche la genetica.

Articoli più letti
Carrello
Il tuo carrello è vuoto
Add to cart