Pene piccolo 5 minuti per saperne di più

Scopri tutti i prodotti

Ciao e bentornato sul nostro blog, quello di cui vogliamo parlare oggi è il pene piccolo e della domanda più gettonata che si fanno gli uomini: Ho il pene piccolo?

In questo articolo potrai scoprire se effettivamente hai un piccolo pene o se ci sono delle cosa che non hai preso in considerazione, ma ti diremo anche quali rimedi esistono per poter sistemare il tuo organo sessuale e riproduttivo.

Cerchiamo innanzitutto di capire se hai il pene piccolo oppure se in realtà sono solo delle fissazioni dettate dalla società e dalle credenze popolari.

Devi sapere che un pene per essere considerato piccolo, non deve superare determinate misure standard, ecco che quindi rispondiamo subito alla tua domanda: ho il pene piccolo, no perché non esiste una misura precisa scientificamente parlando.

Andiamo dritti al punto, non esiste una misura scientifica ma sono state calcolate delle medie che possono variare in base al paese di origine fino ad arrivare alla regione di provenienza.

Per esempio in Italia le dimensioni medie del pene sono più o meno di quindici, sedici centimetri. Se il tuo pene misura entro i dodici centimetri sicuramente rientra nella media.

Al contrario se la misura del tuo pene è al di sotto di quella soglia effettivamente è da considerare un piccolo pene, ma se si tratta del tuo caso, caro lettore, stai tranquillo perché stiamo per spiegarti tutto quello che c’è da sapere sull’argomento.

Inoltre la prima cosa che ti deve mettere bene in testa è che un pene sotto la media non fa di te un uomo meno virile o meno bravo a letto.

Pene piccolo e i costrutti sociali

Essere un uomo e avere un pene al giorno d’oggi porta ad essere messo sempre sotto pressione a causa dei costrutti sociale che nel passare del tempo sono cambiati in base a come erano un tempo.

ho il pene piccolo

Infatti se al giorno d’oggi avere un pene grande è segno di mascolinità e virilità un tempo era esattamente l’opposto.

Se hai mai fatto caso alle sculture degli antichi romani o greci, ti renderai subito conto che hanno tutte raffigurato un pene piccolo, questo perché avere un pene grande era volgare e da plebei.

Mentre avere un piccolo pene era segno di nobiltà secondo i romani e era, secondo i greci, il segno di un uomo potente e moderato. Doti imprescindibili per un ottimo guerriero.

Nella società moderna invece fin da piccolo ti mettono in testa degli standard da rispettare e se un maschietto uno di queste convinzioni riguarda proprio le misure del pene.

Questo col passare degli anni diventa un chiodo fisso nella mente di moltissimi uomini, creando moltissime ansie dettate dalla pressione sociale. Inoltre tutto questo porta a soffrire di ansia da prestazione, astenia sessuale e eiaculazione precoce.

Non esiste nessun nesso logico alla correlazione delle misure del pene con la virilità di un uomo. Come ti abbiamo ampiamente spiegato la necessità di avere un pene grande è solo ed esclusivamente un costrutto sociale.

Oltre al costrutto sociale esiste comunque la possibilità che il tuo corredo genetico viene da un altro paese. Andiamo adesso a vedere più nel dettaglio.

Ha davvero un pene piccolo?

Come ti abbiamo spiegato poco fa, le dimensioni del pene dipendono principalmente dal corredo genetico e dalla sua provenienza.

ho il pene piccolo

Infatti se per esempio i tuoi nonni da Milano si sono trasferiti in Sicilia, dove poi è nato tuo padre e dove ha anche conosciuto tua madre; dovrai calcolare la media del pene con la media della Lombardia e non con quella della Sicilia.

Tutto questo perché appunto il tuo corredo genetico viene dal nord Italia e non dal sud, dove la media del pene è anche più alta della media generale italiana.

Ma potrebbe anche non essere così perché magari i tuoi bis nonni provengono addirittura da una altro paese come per esempio la Francia, dove la media della lunghezza del pene è anche più alta di quella dell’Italia.

Ma per sapere tutto questo devi sapere per prima cosa da dove proviene il tuo corredo genetico.

In generale comunque in Europa troviamo numeri a volte anche molto diversi tra loro, questo perché all’interno del continente europeo ci sono state molte migrazioni che hanno portato al mescolamento dei geni di molti popoli.

C’è da dire che non a caso in Sicilia troviamo la media più alta di tutta la nazione, questo accade perché probabilmente i flussi migratori provenienti dal continente africano si sono miscelati con i nostri corredi genetici.

Alzando di molto l’asticella, inoltre c’è da dire anche che in Africa troviamo la media più alta del mondo per quanto riguarda la lunghezza del pene.

Un piccolo pene e i geni nel mondo

L’esatto opposto del continente africano accade nel continente asiatico dove troviamo delle medie bassissime. Infatti la loro media di dodici massimo tredici centimetri, la soglia che in Italia delimita un piccolo pene da un pene normale.

piccolo pene 2

Arrivato a questo punto dovresti ampiamente aver compreso che le dimensioni del pene non sono poi cos’ importanti, infondo in Cina fanno lo stesso del buon sesso anche con soli dodici centimetri e perché non dovresti farlo tu.

Ma comunque questo non basta infatti moltissimi sono gli uomini che ricorrono alla chirurgia, questo accade sempre a causa dei costrutti della società, dove avere un pene grande o sopra la media è l’unica cosa che conta.

Al giorno d’oggi infatti, la falloplastica, è quasi un’operazione di routine proprio come la rinoplastica o l’aumento del seno.

Tutte queste operazioni chirurgiche nascono comunque dalla necessità di sentirsi meglio con se stessi e quindi non vediamo dove sia il problema.

Quindi se le tue ansie nascono appunto dalle dimensioni del tuo pene e se pensi di avere un pene piccolo sappi che la chirurgia fallica può essere una soluzione ma certo non l’unica.

Per quanto sia l’unica certezza per allungare il pene la chirurgia non sempre è consigliata a tutti per i suoi costi elevati e per la sua invasività.

Esistono comunque altri modi per poter evitare di avere un piccolo pene andiamo a vederli insieme.

Metodi che non conosci per risolvere il problema del pene

Tenendo a mente tutto quello che ti abbiamo detto fino ad ora vediamo qualche metodo per far si che mai più nessuno abbia un pene piccolo.

piccolo pene 2

Uno dei metodi più utilizzati in assoluto è la trazione, grazie ai tessuti e all’elasticità del pene questa permette di poterlo allungare.

Essendo i tessuti del pene molto flessibili ed elastici la trazione provvederà attraverso degli esercizi a far si che la distanza tra la base del pene e il glande venga aumentata.

gli strumenti per poter praticare la trazione sono diversi e di vario genere, puoi trovare degli strumenti cilindrici dove dovrai infilare il tuo membro che verrà allungato in un arco temporale non ben definito.

Questo accade perché dipende tutto da quanto farai questi esercizi.

Un altro strumento per la trazione prevede l’uso di pesi che sfruttano la gravità per poter allungare il pene maschile.

Ma purtroppo dopo che molte persone hanno provato questa tecnica possiamo dire che i risultati sono davvero scarsi se non invisibili.

Inoltre devi sapere che molto spesso questi esercizi portano a risultati opposti da quelli che vorresti ottenere, questo accade perché i tessuti del pene se sottoposti ad un elevato stress, possono stirarsi.

Questo a lungo andare può portare a delle condizioni irreversibili, come un’erezione incompleta per il resto della vita.

Un altro strumento molto utilizzato è la pompa di allungamento del pene piccolo, quest’ultima non è altro che una pompa dove va inserito il pene che provvederà ad ingrandirlo grazie alla pressione.

Soluzioni alternative per il pene piccolo

la pompa di cui ti abbiamo parlato poco fa può essere elettrica o manuale, che va a creare una sorta di vuoto all’interno del cilindro.

Questo meccanismo fa si che il vuoto d’aria che si viene a creare all’interno dello strumento aumenti la pressione sanguigna del pene che di conseguenza farà diventare il pene più grande.

Come potrai facilmente dedurre questo procedimento non porta ad allungare un pene piccolo ma solo ad ingrandirlo temporaneamente.

Perché a tutti gli effetti sarà solo un piccolo pene ingrossato dalla circolazione sanguigna, che porterà una migliore erezione ma solo temporanea e non perenne.

L’unico metodo valido per allungare veramente il pene è la chirurgia come ti abbiamo spiegato nei capitoli precedenti, ma ti ricordiamo che comunque questa operazione è molto costosa e invasiva.

Infatti è causa di moltissime infezioni e di molti mesi di degenza e riabilitazione e se il risultato è solo di guadagnare quei due centimetri al massimo probabilmente il gioco non vale la candela.

Gli stessi andrologi e urologi sconsigliano questa operazione a chi non ne ha realmente bisogno, mentre solitamente viene consigliata a chi soffre di micropenia o di obesità.

La riabilitazione di questa operazione è anche molto lunga e faticosa infatti per molti mesi dovrai tenere il pene a stretto riposo e utilizzarlo solo in caso di necessità.

Andiamo adesso a vedere però se esiste una soluzione concreta e fattibile per rispondere al quesito che ti ha portato qui cioè ho il pene piccolo.

La vera soluzione se hai un pene piccolo

La riabilitazione dall’operazione chirurgica durerà all’incirca sei mesi, tutto questo principalmente serve per non far regredire il tuo pene.

Come già sai questo genere di approccio viene consigliato solo a chi ha un reale bisogno anatomico da soddisfare, molto spesso avrai pensato di avere un pene piccolo, ma non è così.

La condizione di micropenia si viene a presentare quando il membro maschile non è del tutto sviluppato e le due dimensioni sono di circa due volte inferiori rispetto alla media.

Quindi puoi dire di soffrire di micropenia solo ed esclusivamente nel caso in cui il tuo pene non superi i sei centimetri in erezione.

Facendo un piccolo riepilogo se hai un pene tra i dodici e i quindici centimetri il tuo non da considerare un pene piccolo ma un pene nella media.

Quello che non sai però è che molto spesso i problemi della sfera sessuale non sono legati alla misura del pene ma alle prestazioni sessuali.

Per arginare questo problema esiste una soluzione tutta al naturale che darà a te e alla tua partner una vita sessuale completamente nuova e soddisfacente. La soluzione di cui ti stiamo parlando si chiama VirgoStill.

VirgoStill è un integratore sessuale cento per cento naturale creato con il solo scopo di migliorare la vita sessuale di tutti gli uomini.

Questa straordinaria soluzione inoltre non è invadente come la chirurgia, non ha effetti collaterali come la trazione e non ha bisogno di nessuna prescrizione medica.

VirgoStill il tuo alleato contro il pregiudizio

Andiamo dritti al punto VirgoStill è un integratore sessuale cento per cento naturale, contiene sostanze afrodisiache come la taurina.

Quest’ultima aiuta ad aumentare il desiderio sessuale e a combattere l’affaticamento durante la prestazione. Grazie a questa sostanza potrai aumentare la tonicità del pene e avere una maggiore resistenza alla fatica.

Eliminando quel senso di affaticamento che arriva solitamente dopo i primi cinque minuti di rapporto potrai avere delle prestazioni più durature.

La Maca del Perù provvederà ad aumentare la circolazione sanguigna che donerà un’erezione più dura e duratura, che ovviamente agirà anche positivamente sulla psicologia dell’uomo che vedrà il suo pene più grande.

Il mix creato dallo zinco e dalle vitamine aiuterà il giusto funzionamento delle attività ormonali aumentando il testosterone e di conseguenza abbasserà il livelli di stanchezza fisica.

All’interno di VirgoStill puoi trovare anche la radice di Ginseng un anti affaticante naturale. Tutti questi componenti fanno di VirgoStill l’alleato ideale di ogni uomo che sarà totalmente soddisfatto delle sue prestazioni.

Questo integratore sessuale può essere assunto veramente da tutti anche da chi soffre di intolleranze al lattosio e al glutine, può essere acquistato sul sito ufficiale onde evitare truffe.

Inoltre non ha bisogno di alcuna ricetta medica, l’unico consiglio che ci sentiamo di darti è di consultare il medico solo ed esclusivamente se soffri di cardiopatia o ipertensione.

Ma solitamente anche chi soffre di queste due patologie può assumere VirgoStill, ma in questo caso il consulto del medico è consigliato.

Ti invitiamo a seguire il nostro blog per saperne di più o di seguirci sui nostri canali social.

 

CarrelloX
Il tuo carrello è vuoto
Add to cart