Le dieci regole del telefono erotico: guida e consigli per non sbagliare

Scopri tutti i prodotti

Nonostante la possibilità che un incontro erotico al telefono si risolva con un flop (cosa che del resto potrebbe accadere anche in un incontro faccia a faccia e forse con implicazioni più imbarazzanti), il sesso telefonico può essere un’esperienza straordinariamente piacevole per entrambe gli interlocutori.

Particolarmente utile per mantenere la connessione intima in un rapporto a distanza che impedisce frequenti incontri a tu per tu, esprimere le proprie fantasie erotiche al telefono per renderne partecipe il partner e goderne insieme è anche un utile esercizio per aumentare la confidenza con il proprio corpo e la propria sessualità. Una telefonata erotica perfetta sottostà ad alcune “regole” a cui sarebbe bene attenersi se si ha a cuore la propria soddisfazione e quella del partner.

La certezza del consenso entusiasta

Prima di qualsiasi incontro erotico, dal vivo ma anche al telefono, è bene accertarsi che il partner lo desideri quanto noi. Non basta una tiepida ammissione, c’è bisogno di un consenso che vada oltre; una risposta alla nostra discreta provocazione che sia chiara al punto di non lasciar spazio a dubbi.

Nessuna forzatura insomma a procedere se non si è certi che, dall’altra parte della linea, ci sia un partner, o una partner, altrettanto determinati. Per provocare in modo discreto e sondare il terreno potrebbe essere utile cominciare con qualche messaggio scritto in chat, dando così il tempo di riflettere prima di iniziare la conversazione erotica vera e propria.

Un messaggio per rompere il ghiaccio potrebbe essere “è da tanto che non ci vediamo, ti desidero così tanto che mi basta pensarti per eccitarmi, ti va se ti chiamo e ti racconto cosa potremmo fare se tu fossi qui?”, oppure “chiamami quando sei da solo/sola, se ti va ti racconto quanto ti desidero e come mi eccita parlarti”. Dalla risposta in chat, o dall’eventuale telefonata di risposta alla “provocazione”, sarà facile capire quanto grande sia il desiderio dall’altra parte della linea telefonica.

Le parole giuste

In una coppia già affiatata probabilmente si conoscono già le parole che eccitano il partner in modo efficace: se predilige parole non troppo volgari per designare gli organi sessuali o se invece si eccita con termini da turpiloquio. In una coppia nata online la faccenda è più difficile: nel procedere dalla chat al colloquio telefonico bisogna cercare di capire che tipo di linguaggio preferisce l’altra persona, per evitare di “sgonfiare” la sua eccitazione con un lessico non adatto alla sua personalità, al suo livello culturale, alla suo modo di vivere il sesso.

Ovviamente si può chiedere direttamente che tipo di linguaggio preferisce l’altro, ma meglio sarebbe farlo in modo indiretto, deducendolo; ad esempio chiedendo quale tipo di letture o film erotici gli interessano: fumetti porno? Romanzi sentimentali e un po’ osè? Forse ha adorato “50 sfumature di grigio” al cinema piuttosto che il romanzo, o predilige le illustrazioni erotiche di un dato artista. Insomma: conoscere i gusti partner è il punto di partenza per una telefonata erotica di successo, e al contempo è un modo per approfondire tale conoscenza.

E se il partner dice qualcosa di sgradevole? Potrebbe succedere, cerchiamo di essere tolleranti e non drammatizzare: semplicemente facciamolo notare senza uscire del tutto dal gioco, proprio come sarebbe bene fare nei rapporti reali. Il respiro, i sospiri, i gemiti… e forse le urla, sono a volte più espressivi delle parole, ed è inoltre molto importante avere sensibilità per lasciare che il più disinibito dei due porti avanti la conversazione e che l’altro abbia un ruolo moderatamente passivo.

Anche il silenzio può essere molto eccitante in una conversazione erotica al telefono: ascoltare il respiro via via più affannoso del partner e i suoi mugolii di piacere mentre ci si masturba può portare all’orgasmo, più che un film pornografico con attori a noi estranei.

Un po’ di esercizio

Se per primi si è in imbarazzo a parlare di sesso, ma si desidera comunque avvicinarsi al partner grazie alle telefonate erotiche, sarà bene prime prendere confidenza con i termini del linguaggio spinto e pornografico.

Letture come quelle suggerite più sopra aiutano molto a disinibirsi, e anche un buon film porno può essere prezioso. Non si deve aver paura di lasciarsi andare in privato, aiuterà ad essere spontanei al telefono.

Aver mangiato troppo, essere vestiti comodamente e stare sdraiati in pantofole sul divano potrebbe non giovare all’eccitazione, propria e del partner. Meglio prendersi un po’ cura di sé prima di iniziare la telefonata, ammirarsi e piacersi allo specchio, proprio come si farebbe per un incontro a quattr’occhi. Indossare biancheria sexy o essere completamente nudi dopo una doccia può aiutare ad essere eccitati ed eccitanti.

Tranquillità e tempo a disposizione, in una stanza in cui si sia creata la giusta atmosfera: sembra ovvio ma non lo è. Forse vi va di inserire il viva voce o usare le cuffie per avere le mani libere e potervi toccare, oppure desiderate il buio per concentrarvi meglio sull’ascolto; di sicuro non vorrete essere interrotti o distratti da una voce in corridoio o dalla notifica sonora di una email di lavoro. Non dimenticate di prendere provvedimenti affinché l’ambiente sia di ispirazione e null’altro possa accadere se non eccitarvi al suono della voce del partner.

Una telefonata erotica soggiace agli stessi tempi del sesso reale: non bisogna avere fretta, ma piuttosto dare la giusta importanza ai preliminari, per creare sintonia. Parlare di baci e di carezze tenere e via via più audaci serve a sondare il terreno, a spegnere eventuali imbarazzi; insomma il telefono erotico ben utilizzato è un gioco di coppia dove si gode assieme, non un pretesto per “scaricarsi” egoisticamente.

Equilibrio tra memoria e fantasia

Inutile provare al telefono giochi di ruolo azzardati o proporre scenari troppo fantasiosi, soprattutto se dall’altra parte della linea c’è il nostro partner di sempre. Meglio ricorrere ai ricordi e all’esperienza, trovare il giusto equilibrio tra il chiedere cosa vorrebbe che venisse fatto e il descrivere cosa si farebbe se si fosse vicini.

Certo, non essendo un rapporto reale ci si può spingere un po’ più in la dei confini e dei tabù che si hanno nel rapporto faccia a faccia, ma se si decide di inserire nel rapporto di fantasia, ad esempio, un terzo partner o una pratica estrema, sarà bene farlo con tatto e sensibilità, pronti a fare un passo indietro nel caso chi si trova dall’altra parte della linea si mostri, ci si auspica con altrettanto tatto, contrariato.

Il partner non è solo una voce

Cercare di far sentire speciale il partner, e non solo “una voce” al telefono, è una delle cose più importanti quando si chiamano i numeri erotici. Se è difficile in una relazione sempre e solo virtuale, dove è più spiccata la funzionalità di approccio e conoscenza dell’altro proprio attraverso il telefono erotico, dovrebbe essere spontaneo e naturale nei rapporti fisici di lunga data.

Se si conosce bene di persona l’interlocutore si punterà a sottolineare le sue caratteristiche particolari, come i punti sensibili che si conoscono e qualche dettaglio fisico; se non si ha un’esperienza reale con il partner meglio comunque evitare frasi troppo generiche: meglio dire “vorrei baciare il tuo collo e pian piano scendere lungo la tua schiena”, piuttosto che “vorrei baciarti dappertutto”.

Condividere qualcosa extra

Opzionale ma comunque di aiuto per aggiungere un po’ di “pepe” alla telefonata erotica, magari da provare dopo che il telefono erotico è divenuta una pratica assodata nella coppia, o magari proprio per aiutare nei primi passi: la condivisione di qualcosa di esterno.

Vedere al contempo, anche se a distanza, lo stesso film porno, può essere molto stimolante, ci sono molti siti web per il telefono erotico, basta cercare su un qualsiasi motore di ricerca. Il passo successivo al telefono erotico con il sussidio di immagini potrebbe essere una videochiamata sexy!

Per… “concludere”

Masturbarsi e godere esattamente nello stesso momento durante una telefonata non è facilissimo, soprattutto se non si ha affiatamento con il partner e con il telefono erotico; ma non è impossibile. In ogni caso, dopo aver raggiunto l’orgasmo, non è il caso di “girarsi dall’altra parte” come se il partner non esistesse più.

Piuttosto sarà bene assicurarsi che anche il partner abbia goduto e, nel caso ciò non sia avvenuto, descrivere la propria soddisfazione in modo esplicito e colorito affinché suoni come una gratificazione, per aiutare il partner a godere a sua volta.

Dopo il completo soddisfacimento dei due, la cosa migliore è prendersi del tempo per coccole e ringraziamenti, accordandosi magari, senza forzare, per il prossimo appuntamento. Solo se la telefonata erotica è ormai un modo gradito ad entrambe per raggiungere l’orgasmo e la sintonia è accertata, si potrebbe proporre di passare allo stadio successivo: la videochiamata erotica.

 

CarrelloX
Il tuo carrello è vuoto
Add to cart