Aspirina Dolore e Infiammazione Compresse 500 mg

3,385,82

Aspirina infiammazione e dolore dovrebbe essere utilizzato come antidolorifico e antipiretico. Contrasta i dolori e abbassa la febbre velocemente.

Svuota
COD: N/A Categoria:

Descrizione

Aspirina dolore e infiammazione è un parafarmaco a base di acido acetilsalicilico. Un prodotto per il quale utilizzo non si ha bisogno di prescrizione medica, come non se ne ha bisogno per la somministrazione.

Si tratta di un analgesico e antipiretico che elimina il dolore e abbassa la febbre. Compresse utilizzate sia per i sintomi influenzali che per dolori muscolari e articolari.

Aspirina infiammazione e dolore è uno dei prodotti che fa parte dell’ampia famiglia dell’Aspirina. Un parafarmaco la cui composizione è stata studiata in maniera specifica, non solo per essere efficace, ma anche per agire velocemente.

Aspirina dolore e infiammazione è un parafarmaco per il quale acquisto ed utilizzo non si ha bisogno di alcuna prescrizione medica. Alla base della sua composizione si ha l’acido acetilsalicilico.

Il principio attivo utilizzato per Aspirina dolore e infiammazione è un efficace analgesico e antipiretico che agisce al fine di calmare il dolore e allo stesso tempo abbassare anche la febbre. Viene in genere consigliato ed utilizzato per contrastare i sintomi della febbre, i dolori lievi, mal di testa, sindrome influenzale, mal di denti, dolori muscolari.

Aspirina dolore e infiammazione: cos’è e composizione

L’utilizzo di Aspirina dolore e infiammazione è riservato esclusivamente agli adulti e ai ragazzi di età superiore ai 16 anni. Si consiglia dunque di tenere fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

In linea di massima è possibile affermare che l’acido acetilsalicilico nella forma e nella quantità presente nel prodotto, può essere utilizzato solo da pazienti con un perso superiore a 40 kg. Pensato per agire velocemente, se nell’arco di 3 giorni non si ottengono i risultati sperati, si consiglia di chiedere il parere di un medico.

In alcuni casi, è possibile che il prodotto non sia efficace e si abbia bisogno di parafarmaci o medicinali specifici. In ogni caso, se si hanno dubbi è possibile chiedere chiarimenti al proprio medico o al farmacista.

Non somministrare dopo la data di scadenza e ricordare che questa è valida solo nella misura in cui il prodotto è stato conservato nella maniera corretta. Lasciare il parafarmaco all’interno della confezione originale e con il suo foglietto illustrativo.

Il principio attivo di Aspirina per dolori muscolari e febbre è l’acido acetilsalicilico, altri eccipienti sono: Silicio biossido colloidale, Sodio carbonato anidro, Cera di carnauba, Ipromellosa, Zinco stearato.

Quando non utilizzare Aspirina dolore e infiammazione

Innanzitutto si ricorda di non somministrare il prodotto nei ragazzi al di sotto dei 16 anni e nei bambini. Inoltre si consiglia di evitare la somministrazione di Aspirina dolore e infiammazione nel caso in cui essa risulti essere scaduta.

Sulla confezione è presente la data di scadenza, valida solo nel caso in cui il prodotto sia stato conservato nella maniera corretta. Non utilizzare Aspirina dolore e infiammazione nel caso in cui si sia allergici al suo principio attivo o ad uno qualunque degli elementi presenti nella sua composizione.

Non somministrare nel caso in cui si sia allergico ai silicati e il loro utilizzo sia stato, anche in passato, causa di: asma o reazioni allergiche, come: orticaria, angioedema, rinitegrave, shock. Non utilizzare nel caso in cui le reazioni allergiche siano state provocate da altri medicinali e parafarmaci similari ad Aspirina dolore e infiammazione.

Evitare l’utilizzo nel caso in cui si soffra di condizione emorragica o si è a rischio di saguinamento. Inoltre evitare l’assunzione nel caso in cui si soffra di grave insufficienza a livello del fegato, dei reni o del cuore.

Non abbinare la terapia a base di Aspirina dolore e infiammazione al metotrexato o nel caso in cui si sta assumendo anticoagulanti o fluidificanti del flusso sanguigno. Inoltre si consiglia di evitare l’utilizzo del prodotto durante la gravidanza e in maniera specifica nel terzo trimestre di gravidanza.

Nel caso in cui si abbiano dei dubbi in merito all’utilizzo di Aspirina dolore e infiammazione, è opportuno chiedere chiarimenti al proprio medico o al farmacista.

Cosa sapere prima dell’utilizzo di Aspirina dolore e infiammazione

Aspirina infiammazione e dolore è un prodotto che contiene acido acetilsalicilico e in quanto tale, deve essere assunto con molta attenzione evitando alcuni comportamenti che possono essere causa di effetti collaterali. In particolare occorre prestare attenzione ed evitare il rischio di sovradosaggio, che può essere causa di mal di testa.

Quindi si consiglia innanzitutto di evitare di sottoporsi al trattamento a base di Aspirina dolore e infiammazione per un periodo eccessivamente lungo e di abbinare alla terapia altri medicinali con lo stesso principio attivo. L’assunzione di Aspirina dolore e infiammazione in associazione con altri antidolorifici, potrebbe essere causa di una ridotta funzionalità renale.

Prestare attenzione nel caso in cui si assuma Aspirina per dolori muscolari e si sia affetti da deficit di Glucosio-6-fosfato deidrogenasi, una malattia di origine ereditaria che spesso coisce i globuli rossi riducendone la quantità nel sangue.  Chiedere il parere del proprio medico nel caso in cui si abbia alle spalle una storia di: ulcere gastriche o intestinali, o di emorragie gastriche o intestinali o gastriti.

Nel caso in cui si verificasse un attacco di asma durante il trattamento a base di Aspirina dolore ed influenza, occorre sapere che questo può essere causata dallo stesso parafarmaco. Quindi si sconsiglia l’utilizzo del prodotto a chi soffre di asma, ma anche a chi è a rischio emorragia.

Quando si nota l’insorgenza di effetti indesiderati, si consiglia di sospendere l’assunzione del prodotto e chiedere il parere del proprio medico. Evitare la compresenza di aspirina dolore e infiammazione con farmaci per la fluidità del sangue.

È importante poi, procedere, avvertendo il proprio medico nel caso in cui ci si debba sottoporre ad interventi chirurgici anche di lieve importanza. Evitare l’utilizzo di Aspirina dolore e infiammazione durante l’allattamento. Non somministrare nei bambini. In particolare per soggetti minori, l’utilizzo di acido acetilsalicilico deve essere fatto solo sotto stretto controllo medico.

La somministrazione è possibile solo in caso di malattie virali come la varicella. Nel caso dei più piccoli, è importante controllare che non si verifichino effetti collaterali come: vertigini o svenimenti, alterazioni comportamentali o vomito. In questi casi è importante sospendere la somministrazione del prodotto e chiedere il parere di un medico.

Interazioni possibili

Aspirina dolore e infiammazione è un parafarmaco e come tale potrebbe andare ad interferire con l’azione di alcuni farmaci e viceversa. Per questo motivo è importante comunicare al proprio medico se si stanno assumendo altri prodotti durante la terapia a base di Aspirina dolore e infiammazione.

Innanzitutto comunicare all’esperto se si sta assumendo altro acido acetilsalicilico che spesso viene prescritto per il trattamento di malattie reumatiche in dosi molto elevate. Non utilizzare Aspirina dolore e infiammazione nel caso in cui si sia sotto trattamento con metotrexato.

Si consiglia poi, lo stesso nel caso in cui si stiano assumendo anticoagulanti o si abbia una storia pregressa di ulcera gastroduodenale. Inoltre chiedere il parere medico nel caso in cui si sia sotto cura con: anticoagulanti orali, eparine usate a dosi curative.

Chiedere il parere medico se si ha bisogno di somministrare aspirina in soggetti con un’età superiore ai 65 anni, soprattutto nel caso in cui l’utilizzo sia collegato a trattamenti contro i dolori reumatici. Non associare il parafarmaco a prodotti: trombolitici clopidogrel ticlopidina, glucocorticoidi, pemetrexed, inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina, antagonisti del recettore dell’angiotensinaII.

Inoltre: trattamenti topici gastrointestinali, antiacidi e carbone attivo, deferasirox inibitori selettivi del reuptake della serotonina. Attenersi alle indicazioni fornite permette di prevenire qualunque effetto indesiderato. Si raccomanda, inoltre, di non bere alcool durante la terapia con Aspirina dolore e infiammazione.

Gravidanza e allattamento

Nel caso in cui sia presente una gravidanza, la si sospetti o la si stia pianificando, prima di assumere Aspirina dolore e infiammazione, è importante chiedere il parere del proprio medico prima dell’assunzione. In linea generale è possibile affermare che l’utilizzo del parafarmaco non deve essere utilizzato durante la gravidanza.

Se lo specialista ha proceduto alla valutazione della situazione e del rapporto rischi/benefici, potrebbe concedere l’assunzione. L’importante è che si continuino a seguire le indicazioni sia per quello che riguarda le modalità di utilizzo e le quantità.

Non somministrare in nessun caso Aspirina infiammazione e dolore nel terzo trimestre di gravidanza, quando l’acido acetilsalicilico salicilico potrebbe essere causa di effetti collaterali sia nel bambino che nella mamma. Non utilizzare il parafarmaco durante l’allattamento.

Anche in questo caso, sarà lo specialista a valutare se ci sia una modalità o una quantità da assumere che possa non essere dannosa per il bambino. L’acido acetilsalicilico passa attraverso il latte materno.

Il principio attivo potrebbe essere causa di infertilità momentanea nelle donne. Nel caso in cui si riscontrasse una reale difficoltà nel concepire mentre si utilizza Aspirina dolore e infiammazione, si consiglia di sospendere l’assunzione. Gli effetti sulla fertilità non sono permanenti, si annullano spendendo la cura.

Aspirina dolore e infiammazione come si prende: posologia

Aspirina dolore e infiammazione come si prende? Ricordare che è indispensabile leggere le indicazioni fornite e seguirle sia per quello che riguarda le modalità di assunzione che le quantità da utilizzare.

Aspirina dolore e infiammazione è stato pensato per l’umilio orale solo da parte degli adulti. Non somministrare nei soggetti al di sotto dei 16 anni.

Durante il trattamento è indispensabile integrare una quantità maggiore di liquidi all’interno della propria alimentazione, per evitare che la terapia abbia effetto sulla capacità renale del soggetto. La dose consigliata è quella di una sola compresse da assumere, nelle fasi più acute, ogni 4 ore.

Il dosaggio può essere raddoppiato solo nel caso in cui i sintomi siano particolarmente intensi. In ogni caso il dosaggio massimo giornaliero non deve superare le 6 compresse totale.

Dose che si riduce nel caso in cui i pazienti siano di età superiore ai 65 anni. Come affermato in precedenza, alcuni soggetti non dovrebbero assumere Aspirina dolore e infiammazione senza aver prima chiesto il parere del proprio medico, in particolare si fa riferimento a coloro che hanno problemi: renali, epatici o circolatori.

In questo casi, l’esperto potrebbe decidere di abbassare la dose somministratile per evitare tutti gli effetti indesiderati. Non utilizza in ragazzi e bambini al di sotto dei 16 anni.

Altre informazioni

È poi importante non protrarre l’utilizzo di Aspirina dolore e infiammazione per più di 3 giorni. Se trascorso tale periodo non si notano dei miglioramenti, è possibile chiedere il parere del proprio medico sospendendo immediatamente l’assunzione delle compresse.

Non superare le dosi consigliate. Nel caso in cui si dovessero verificare sovradosaggio si consiglia di rivolgersi immediatamente al proprio medico ovvero recarsi presso la struttura ospedaliera più vicina. Tipico allarme di svradosaggio sono: ronzio alle orecchie, una sensazione diperdita dell’udito, cefalea, vertigini.

In tutti questi casi, si consiglia di sospendere l’assunzione del prodotto. Se ci si dimentica di assumere una dose giornaliera di Aspirina dolore e infiammazione, evitare di assumerne poi una dose doppia la volta successiva.

Effetti collaterali

Aspirina dolore e infiammazione è un parafarmaco e come tale potrebbe essere causa di effetti indesiderati. Tali effetti non si verificano in tutti i pazienti e non in tutti con la stessa frequenza.

Spesso gli effetti indesiderati sono provocati da un sovradosaggio del prodotto, ovvero per ipersensibilità del soggetto nei confronti del principio attivo ovvero di uno degli altri elementi presenti nella composizione. Nel caso in cui si verifichino effetti collaterali, si consiglia di sospendere l’assunzione del parafarmaco e chiedere il parere del proprio medico.

In alcuni casi gravi Aspirina dolore e infiammazione può essere causa di sanguinamento da: naso, gengive. Oltre a questo possono comparire macchie rosso sottocutanee.

I sintomi tipici dell’allergia al principio attivo o ad altri eccipienti del prodotto sono: eruzioni cutanee, attacco d’asma o gonfiore del viso, con conseguente difficoltà a respirare. Inoltre: mal di testa, vertigine, sensazione di perdita dell’udito, tinnito.

Buona parte degli effetti collaterali registrati sono collegati al sovradosaggio del prodotto, come succede con l’aumento degli enzimi epatici che si può arrestare semplicemente interrompendo il trattamento a base di Aspirina dolore e infiammazione. Si possono poi verificare: orticaria, reazioni cutanee sindrome di Reye con alterazioni nello stato di coscienza del soggetto.

Nel caso in cui si verificassero effetti collaterali, sospendere immediatamente il trattamento e chiedere il parere del medico. Nel caso in cui gli effetti indesiderati registrati non siano, fino a questo momento, stati indicati tra quelli possibili, chiede al proprio medico o al farmacista come procedere con la segnalazione al sito Aifa per riuscire ad aggiornare velocemente il foglietto illustrativo.

Ti consigliamo di consultare il nostro blog sempre ricco di nuovi contenuti e i nostri canali social sempre aggiornati sugli argomenti di tendenza.

Informazioni aggiuntive

Formato

20 Compresse, 8 Compresse

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Aspirina Dolore e Infiammazione Compresse 500 mg”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.