-22% di sconto

Aspirina Act Dolore E Infiammazione 12 Compresse 1000mg

7,19

A base di acido acetilsalicilico questo prodotto contrasta i dolori muscolari, il mal di testa e gli stati febbrili. Utilizzare Aspirina Act solo seguendo le indicazioni fornite.

COD: 044095038 Categoria:

Descrizione

Aspirina Act è un parafarmaco per il quale acquisto ed utilizzo non si ha bisogno di alcuna prescrizione medica. A base di acido acetilsalicilico si tratta di un prodotto in grado di calmare il dolore e abbassare la febbre.

La composizione del prodotto è stata studiata per agire velocemente e per essere assorbita in maniera semplice dall’organismo. Si consiglia di non protrarre l’utilizzo del prodotto per un periodo eccessivamente lungo.

Aspirina Act è un para farmaco a base di acido acetilsalicilico che interviene nei casi in cui sia presente dolore e febbre. Un prodotto che è in grado di offrire sollievo in maniera veloce e che si lascia assorbire velocemente dal corpo umano, per agire in maniera mirata.

In quanto parafarmaco non ha bisogno di alcuna prescrizione medica, anche se si consiglia sempre di leggere le indicazioni di utilizzo e la composizione per evitare possibili effetti collaterali. In genere Aspirina Act viene utilizzata per andare a dare sollievo dal dolore, per curare i sintomi dell’infiammazione.

Ma l’utilizzo più comune di Aspirina Act è quello contro la febbre, il raffreddore e il mal di testa. Altri casi in cui può essere utilizzato è il mal di denti o i dolori a livello muscolare.

Se ne consiglia l’utilizzo in soggetti con età compresa tra i 16 e i 65 anni, si consiglia di non uscire mai al di fuori di queste due soglie per non provocare effetti indesiderati. Quindi leggere attentamente il foglietto illustrativo e nel caso in cui si nutrano ancora dei dubbi, si consiglia di chiedere il parere del proprio medico o del farmacista.

Nel caso in cui si presentino effetti collaterali, sospendere immediatamente la somministrazione e chiedere il parere del proprio medico. Aspirina Act ha come principio attivo l’acido acetilsalicilico, ma la sua composizione prevede anche la presenza di altri eccipienti come: silicio diossido colloidale, sodio carbonato anidro, cera di carnauba, ipromellosa, zinco stearato.

I casi in cui non assumere Aspirina Act

Aspirina Act è un para farmaco e come tale può essere acquistato e consumato senza una prescrizione medica. In ogni caso, si consiglia di attenersi alle indicazioni fornite a riguardo.

In particolare si ricorda che ci sono dei casi in cui Aspirina Act non può essere utilizzata. Ci riferiamo innanzitutto ai casi in cui il paziente mostra ipersensibilità nei confronti di uno o più elementi della composizione delle compresse, ovvero al principio attivo utilizzato.

Inoltre non utilizzare Aspirina Act nel caso in cui, anche in passato si sia mostrata ipersensibilità nei confronti di medicinali e parafarmici con il compito di ridurre il dolore e la febbre, ovvero a base di acido acetilsalicilico. A tal proposito si ricorda che le reazioni allergiche si possono presentare con: asma, orticaria, angioedema, rinite severa, shock anafilattico nei casi più gravi.

Non utilizzare le compresse nel caso in cui, in passato si sia mostrata sensibilità nei confronti di altri FANS, inoltre evitarne l’assunzione se si soffre di ulcera gastrica o intestina; se si hanno emorragie, o si a rischio di emorragia.

Inoltre evitare di esporsi all’acido acetilsalicilico nel caso in cui si abbia una funzionalità epatica o renale particolarmente compremessa. Lo stesso vale per la funzionalità cardiaca.

In particolare, per quello che riguarda la funzionalità cardiaca, non assumente Aspirina Act se si è sotto terapia con metotrexato. Non abbinare l’assunzione di Aspirina Act con anticoagulanti orali. Non somministrare in soggetti con età inferiore ai 16 anni ovvero durante l’ultimo trimestre di gravidanza.

Quando chiedere il parere di un medico

Ci sono casi in cui l’assunzione di Aspirina Act è sconsigliata, altri invece, in cui è possibile chiedere il parere preventivo del proprio medico. In particolare si consiglia di chiedere il parere del medico o del farmacista nel caso in cui si abbiano dei dubbi in merito al prodotto.

Innanzitutto si consiglia di chiedere il parere del medico nel caso in cui si è sotto cura con altri elementi che al loro interno contengano acido acetilsalicilico. Tale attenzione è importante per evitare che si verifichino effetti collaterali da sovradosaggio di prodotto.

Consultare il proprio medico se si utilizzano antidolorifici in maniera regolare, se si ha scarsa funzionalità renale o un deifici di glucosio-6-fosfato deidrogenasi. Quest’ultima è una malattia di tipo ereditaria che in genere colpisce i globuli rossi.

Chiedere il parere del proprio medico se si è vittime di ulcere, perforazioni intestinamente problemi a livello renale, epatico o cardiaco. Ricordiamo a tal proposito che nell’arco del trattamento con Aspirina Act in qualunque momento è possibile che si verifichi un sanguinamento dello stomaco o dell’intestino.

Consultare preventivamente il proprio medico se oltre ad Aspirina Act si assumono anche altri analgesici. L’abbinamento può essere causa di lesioni renali persistenti.

Non utilizzare in caso di asma a meno che non si sia avuto il via libera da parte di un esperto che abbia valutato modo di valutare il rapporto tra rischi e benefici. Chiedere il parere nel caso in cui si abbia un ciclo mestruale con perdite intense e prolungate.

Aspirina ace potrebbe anche essere causa di sanguinamento dell’utero con conseguente possibilità che si possa protrarre ulteriormente il tempo delle mestruazioni. Inoltre chiedere il parere medico se si è in procinto di sottoporsi a un intervento chirurgico, in quanto potrebbe esservi un aumento del rischio di emorragie.

Incompatibilità tra Aspirina Act e altri medicinali

Aspirina Act è un para farmaco e in quanto tale potrebbe interferire con l’azione di altri prodotti e viceversa. Quindi si consiglia di mettere a corrente il proprio medico nel caso in cui si deva assumere Aspirina in concomitanza con altri prodotti di qualunque genere.

Innanzitutto chiedere il parere medico se si sta assumendo metotrexato un medicinale che viene spesso consigliato per la cura di gravi infiammazioni articolari o in presenza di un’accentuato psoriasi o per il trattamento del cancro. In questi casi il dottore potrebbe raccomandare l’utilizzo di un quantitativo minore di Aspirina Act in caso di bisogno.

Chiedere al proprio medico se è possibile sottoporsi a cura con Aspirina Act se si stanno assumendo elementi inibitori della coagulazione del sangue. In questo caso l’abbinamento delle compresse con l’anticoagulante prescritto per il trattamento di ulcere.

Non abbinare il parafarmaco con i FANS di qualunque genere, non utilizzare due prodotti a base di acido acetilsalicilico. Inoltre non utilizzare Aspirina nel caso in cui si stiano affrontando terapie a base di: citalopram, escitalopram, fluoxetina, fluvoxamina, paroxetina, sertralina (i cosiddetti SSRI) usati per il trattamento della depressione.

Infine si consiglia di bere abbondante acqua mentre si affronta il trattamento a base di Aspirina Act in modo che ai reni non vengano a mancare i liquidi necessari per il loro funzionamento. Non assumere le compresse se si stanno assumendo medicinali che abbassano i livelli di ferro nel sangue.

Gravidanza e allattamento

Nel caso in cui sia presente una gravidanza, la si sospetti o la si stia pianificando si consiglia di evitare l’assunzione di Aspirina Act, ovvero di chiedere il parere del proprio medico. Sarà poi lo specialista a valutare il rapporto tra benefici e rischi che si corrono ad assumere le compresse.

In particolare, per evitare di nuocere alla mamma o al bambino si consiglia di evitare l’assunzione del prodotto nel caso in cui si sia nel terzo trimestre di gravidanza. Nel caso in cui il medico avesse consentito l’utilizzo di Aspirina Act è comunque importante rispettare le quantità e le modalità di utilizzo consigliate per evitare effetti collaterali.

Inoltre durante il periodo dell’allattamento si consiglia di evitare l’assunzione del prodotto. L’acido acetilsalicilico è un elemento in grado di passare attraverso il latte materno, quindi per non nuocere al piccolo, si consiglia di evitare l’assunzione delle compresse.

Aspirina Act con il suo contenuto di acido acetilsalicilico appartiene alla più grande famiglie dei FANS, come tale potrebbe essere causa di infertilità transitoria nelle donne. Quindi nel caso in cui si notasse l’oggettiva difficoltà nel concepire, si consiglia di sospendere l’assunzione del prodotto.

Gli effetti sulla fertilità provocati da questo prodotto sono solo transitori, non sono destinati a durare nel tempo.

Anche durante il periodo della gravidanza e dell’allattamento, nel caso in cui l’esperto ne abbia consigliato l’assunzione, sospendere immediatamente il trattamento nel caso in cui si noti l’insorgere di effetti indesiderati. Se si hanno dubbi, chiedere al proprio medico o al proprio farmacista.

Aspirina Act: posologia

Prima dell’utilizzo di Aspirina Act si raccomanda di seguire le indicazioni fornite in merito alle modalità e alle quantità da assumere. Se si hanno dei dubbi si può chiedere al proprio dottore o al farmacista.

La dose di prodotto consigliata è di una sola compressa per volta, con assunzione da ripetere ogni 4 o 6 ore negli stati di infiammazione e dolore più acuti. È possibile assumere, salvo diversa indicazione del proprio medico, fino a un massimo di 3 compresse al giorno.

La quantità massima assumibile potrebbe diminuire nel caso in cui sia il dottore a valutarne la possibilità, in genere sono soluzioni che vendono adottate per soggetti di età superiore ai 65 anni e per coloro che hanno ridotta funzionalità renale.

Non somministrare nei bambini e nei ragazzi con età inferiore ai 16 anni di età. Non assumente dopo la data di scadenza o nel caso in cui la confezione risulti essere danneggiata

Le modalità di assunzione sono semplici, è sufficiente lasciar sciogliere la compressa in un bicchiere d’acqua. Il trattamento a base di questo parafarmaco non deve essere protratto per più di 3 giorni.

Se al trascorrere di tale periodo non sono stati osservati dei miglioramenti, ovvero si noti il peggiorare di alcuni sintomi, si consiglia di sospendere il trattamento e chiedere il parere del proprio medico. Sospendere la terapia nel caso in cui si notino degli effetti collaterali.

Importante non incorrere nel sovradosaggio. Nel caso in cui, nonostante tutte le attenzioni del caso si dovessero notare effetti collaterali, si consiglia di recarsi immediatamente dal proprio medico, ovvero presso la struttura ospedaliera più vicina.

Se ci si dovesse dimenticare l’assunzione di una delle dosi previste per quello che riguarda la terapia a base di Aspirina Act non cercare rimedio con una dose doppia la volta successiva.

Aspirina Act: effetti collaterali

In quanto parafarmaco Aspirina Act può essere causa di effetto indesiderato. Questi non sempre si presentano nei soggetti, anche se ce ne sono alcuni maggiormente predisposti.

Ne caso in cui si notassero effetti collaterali, sospendere immediatamente l’assunzione del prodotto e chiedere il parere del proprio medico. Spesso gli effetti collaterali sono dovuti innanzitutto a sovradosaggio del prodotto, che avviene per disattenzione.

Altri effetti collaterali sono dovuti ad ipersensibilità nei confronti dell’acido acetilsalicilico ovvero per gli altri elementi del prodotto. In alcuni casi, gli effetti indesiderati provocati da intolleranza alla composizione, possono essere anche molto gravi e richiedere delle cure mediche specifiche.

Quindi prestare attenzione a: sangue dal naso, gengive sanguinanti, macchie rossastre o violastre sulla pelle, lividi, sanguinamento delle vie urinarie e degli organi genitali.

Il rischio di insorgenza di problematiche di sanguinamento in genere persiste per 4-8 giorni dopo l’interruzione dell’uso di Aspirinaact dolore e infiammazione. Il rischio aumenta in concomitanza di interventi chirurgici, possono verificarsi: emorragie all’interno del cranio, dello stomaco o dell’intestino.

In conclusione

Altri possibili effetti collaterali sono il rigonfiamento di: faccia o gola, asma, mal di testa, capogiro, sensazione di perdita dell’udito, ronzio nelle orecchie. Questi sono spesso indice di sovradosaggio del prodotto, insieme a: emorragia cerebrale, dolore allo stomaco, sanguinamento gastrico o intestinale.

Possono poi verificarsi: vomito ematico e feci nerastre. Il rischio di sanguinamento è comunque dipendente dalla dose. Se si dovesse notare l’insorgenza di effetti collaterali non segnalati si consiglia di chiedere al proprio farmacista o al medico le modalità con cui essi possono essere segnalati al sito dell’Agenzia del Farmaco.

Procedendo in questa maniera sarà possibile aggiornare velocemente il foglietto illustrativo. Quest’ultimo deve essere sempre conservato insieme al medicinale all’interno della confezione originale del prodotto, per permettere di consultare le indicazioni in qualunque momento.

Non utilizzare il prodotto nel caso in cui sia scaduto. Si ricorda inoltre che la data di scadenza si riferiscono al prodotto conservato nella maniera corretta.

Non gettare il prodotto negli scarichi o nei rifiuti domestici per evitare che si possa contaminare l’ambiente. Chiedere aiuto al proprio farmacista per smaltire il prodotto inutilizzabile. Segui il nostro blog, oppure visita i nostri profili social!

Informazioni aggiuntive

Formato

10 Compresse Effervescenti 400+240mg, 20 Compresse Effervescenti 400+240 mg, 40 Compresse Effervescenti 400mg+240 mg

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Aspirina Act Dolore E Infiammazione 12 Compresse 1000mg”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.