Anatomia pene spiegata in 4 minuti

Scopri tutti i prodotti

Ciao e benvenuto nuovamente sul nostro blog di Axemya! Oggi ci occupiamo di anatomia pene e di spiegare approfonditamente quali sono tutte quante le parti anatomiche del pene.

Molti uomini sono convinti che, visto che sono possessori di un pene, conoscono perfettamente il loro apparato genitale. Purtroppo non è sempre così.

Infatti molti uomini non conoscono a fondo l’anatomia pene e questo non va bene per quanto riguarda la propria fisionomia. In questo articolo ci occuperemo di sfatare diversi falsi miti sull’anatomia pene parlando più nello specifico dei seguenti argomenti.

· Anatomia pene

· Anatomia del pene

· Anatomia umana pene

· Parti anatomiche del pene

Non soltanto. Tutti questi argomenti appena citati saranno trattati a 360 gradi, senza lasciare il beneficio del dubbio su nessun argomento.

Per iniziare parleremo di che cosa è il pene e di quali sono le dimensioni e la lunghezza ideali. Successivamente parleremo di eventuali patologie che possono attaccarsi per via sessuale.

Verso il cuore dell’articolo ci occuperemo di parlare delle principali funzioni del pene e della sua anatomia fino a toccare un argomento quasi tabù come la circoncisione. Come dici?

Hai digitato la parola chiave anatomia pene sul tuo motore di ricerca di riferimento propriamente per leggere questi argomenti? Beh, allora non ti resta che metterti seduto comodo e goderti la lettura, perché in questa pagina ti parleremo di tutto ciò che riguarda l’anatomia del pene.

Bene, bando alle ciance, iniziamo con le cose serie!

Anatomia pene: tutto ciò che ti serve sapere per iniziare

Iniziamo subito con una domanda che molto probabilmente ti spiazzerà già dal principio: cos’è il pene? Una domanda piuttosto banale, lo so, ma se vogliamo affrontare questo argomento dell’anatomia umana pene a 360 gradi sappi che niente può essere lasciato al caso.

anatomia umana pene

E così, anche la domanda più scontata si trasforma in qualcosa di veramente utile per il nostro scopo. Dunque, torniamo a noi.

Il pene viene molto spesso chiamato con il nome di verga o, per i più fanatici del sesso, “asta virile”. Conoscere bene l’anatomia pene è importante in quanto il pene è l’organo adibito sia alla copulazione che all’espulsione dell’urina.

È grazie al pene se è possibile provare piacere dall’atto sessuale. Quindi, sulla base di ciò che abbiamo appena detto, il pene e l’anatomia pene fa parte sia dell’apparato riproduttivo che dell’apparato urinario.

Fin ora comunque abbiamo stabilito due fattori ai quali non sempre viene data la stessa importanza.

Infatti è molto più comune sentire parlare del pene maschile e dell’anatomia pene come organo genitale maschile e molto di rado come organo dell’apparato urinario. Ora che abbiamo chiarito questo importante fattore possiamo andare aventi con l’articolo sull’anatomia pene.

Anatomia pene: forma e parti del pene

Il pene ha una forma di un cilindro ed è un muscolo ricoperto di pelle e circondato da peli. I peli sono un fattore molto soggettivo perché, soprattutto durante gli ultimi anni, sempre più uomini decidono di rasarsi il pene a zero .

anatomia del pene

Per una forma di igiene o di estetica, ma comunque se lo rasano. L’area dove si trova il pene si chiama “zona pelvica” o “pavimento pelvico”. Al di sopra del pene secondo l’anatomia pene, ci sono gli addominali.

Al di sotto, invece, il pene tocca lo scroto che non è altro che la sacca dove si trovano i testicoli. Nella parte esteriore del pene è possibile notare tutta una serie di fine nervature.

Al suo interno invece, invisibile all’occhio umano, si trova l’uretra. Ma che cos’è esattamente l’uretra?

L’anatomia pene ci spiega che l’uretra è un piccolo canale aperto verso l’esterno che ha una duplice funzione. La sua prima caratteristica è quella di rappresentare l’ultima parte del tratto urinario e quindi di espellere la pipì.

La seconda è quella di espellere lo sperma e quindi di permettere ad un uomo di eiaculare. Soltanto il pene da solo non costituisce un intero apparato.

Ma, preso in considerazione insieme allo scroto, meglio conosciuto come parte dei testicoli, il pene e lo scroto secondo l’anatomia pene formano l’apparato genitale maschile. Non dimenticare che in questo articolo stiamo parlando di anatomia pene, anatomia del pene, anatomia umana pene e parti anatomiche del pene.

Ma come si chiamano quindi le parti del pene?

Dunque, il pene è diviso in differenti piccole zone che possono essere tutte quante raggruppate in tre parti.

parti anatomiche del pene

Di seguito sono elencate le tre parti principali del pene.

· La radice del pene (comunemente chiamata la base del pene)

· Il corpo del pene (chiamato anche asta)

· Il glande (o comunemente chiamato cappella)

Vediamoli ora da più vicino.

La radice del pene, o più comunemente chiamata base, non è visibile all’esterno, contrariamente da quello che si può pensare. Questa è la parte che, attaccata ai muscoli pelvici, fornisce una certa stabilità al pene.

Il corpo del pene, invece, è la parte visibile all’esterno e, tra l’altro, l’unica parte mobile. Il corpo del pene confina alla base con la radice del pene e all’altra estremità con il glande.

La forma dell’asta o corpo del pene è cilindrica e la sua lunghezza può variare a seconda di diversi fattori. Primo tra tutti varia da persona a persona e, secondo, la lunghezza del pene può variare a seconda delle condizioni del pene che può stare a riposo o in erezione.

Il glande rappresenta l’estremità del pene ed è caratterizzato sia per la sua forma a cupola, sia per il colore che tende al viola che lo differenzia da tutto il resto del pene. Dal glande si espelle lo sperma.

Alcune curiosità

Quanto conosci le tue zone erogene? Forse ti interessa sapere che il glande, per l’anatomia del pene, è considerata la zona erogena primaria del corpo maschile.

parti anatomiche del pene

Il glande è infatti ricco di moltissime terminazioni nervose che lo rendono iper sensibile all’eccitazione. Inoltre, l’afflusso di sangue al pene, ovvero ciò che permette al pene di avere un erezione, dipende da diverse arterie.

Nello specifico, le arterie dalle quali dipende l’afflusso di sangue nel pene maschile sono le seguenti.

· L’arteria del pene

· L’arteria profonda del pene

· L’arteria dorsale del pene

· L’arteria del bulbo dell’uretra.

Se per qualche motivo durante la tua vita hai creduto di conoscere benissimo come funziona il tuo apparato genitale, forse leggendo questa prima parte dell’articolo sull’anatomia del pene hai avuto un po’ modo di ricrederti.

Molte volte, infatti, siamo portati a semplificare le cose, a credere che il pene si alza perché proviamo eccitazione e stop. Guarda invece quanti fattori ci sono dietro l’erezione di un pene.

Non una, ma ben quattro arterie differenti che si mettono in moto soltanto per far alzare il tuo pene.

Anatomia del pene: quanto contano le dimensioni e la lunghezza del pene?

Se ti chiedessi per te quanto contano le dimensioni del pene, in anatomia pene, cosa mi risponderesti? Sono sicuro che diresti che contano molto, anzi, moltissimo.

Non c’è niente di più sbagliato caro lettore, ma è anche molto comprensibile che tu sia questa risposta. Nella società moderna di cui facciamo parte oggigiorno specialmente noi occidentali, siamo abituati a misurare la nostra virilità con la lunghezza del nostro pene.

Più lungo vuol dire più virile, più forte più uomo, più tutto. E allora chi ha un pene piccolo o comunque più piccolo della media?

Viene considerato un mezzo uomo, un uomo senza importanza né virilità. Se ci pensi un momento questo è davvero sciocco.

Non dipende da noi quanto il nostro pene è grande, non possiamo andare in palestra per avere un pene più grande, né possiamo studiare di più a scuola. Quindi, le voci di spogliatoio che da sempre fanno sentire male ragazzi di tutte le età per la grandezza inferiore dei loro peni, sono assolutamente infondate e ricche di cattiveria.

Ti dirò di più. È stato dimostrato secondo diversi esperimenti che un uomo con un pene di piccole misure con una conoscenza anatomica del corpo della donna riesce a soddisfare la sua partner molto meglio di un uomo con il pene grande e nessuna sensibilità.

Anatomia pene: parametri per definire la lunghezza del pene

D’accordo, abbiamo stabilito, in questo nostro articolo su anatomia pene, anatomia del pene e anatomia umana pane, che la lunghezza del pene non conta se il pene non si sa utilizzare come si deve. Ma, nonostante questo, resta comunque più che lecito da parte di un uomo conoscere i parametri per definire la lunghezza del suo pene.

Dunque, i parametri per stabilire la grandezza del pene di un anatomia pene sono due: la lunghezza e la circonferenza.

La lunghezza si misura dalla radice del pene fino alla punta del glande. La circonferenza, invece, si misura a metà del corpo del pene.

Ora, è bene sapere che non in tutti i momenti e non in tutte le situazioni la grandezza di un pene è la stessa. Ci sono piuttosto diversi fattori che possono incidere sulla grandezza di un pene e sono riportati qui di seguito.

Anatomia pene: cosa influisce sulla grandezza del pene

Chiaramente, in un articolo in cui si parla delle parti anatomiche del pene, non potevamo certo farci mancare i fattori che influiscono sulla grandezza di un pene. Andiamoli a vedere qui di seguito.

· Per prima cosa lo stato in cui si trova il pene influisce tantissimo sulla sua lunghezza e sulla sua circonferenza. Un pene in stato di erezione, come potrai ben immaginare, è molto più grande e molto più spesso di quanto non lo sia un pene flaccido.

· Come seconda cosa ad influire sulla grandezza anatomia del pene troviamo l’età. Un pene di un uomo adulto misurerà sempre necessariamente di più di un pene di un bambino o di un adolescente.

Gli unici casi in cui questa regola non vale sono quelli in cui si presentano delle anomalie come ad esempio il caso del micro pene. Inoltre, è bene ricordare che il pene di un uomo cresce fino ai ventuno anni di età, dopodiché si ferma e resta delle stesse dimensioni per tutta la vita.

· Il terzo ed ultimo fattore ad incidere sulla grandezza del pene è il clima. Se misurato in una condizione ambientata troppo fredda il pene potrebbe risultare molto più piccolo di come è in realtà.

Determinate condizioni ambientali come ad esempio il freddo o la prolungata permanenza in acqua potrebbero accorciare momentaneamente la lunghezza del pene. 

Anatomia pene: dimensioni standard

È molto probabile che tu voglia conoscere quali sono le dimensioni medie di un uomo in condizioni di pene flaccido. Dunque ci tengo molto a dirti che noi di Axemya non siamo affatto fan dei paragoni in quanto reputiamo che paragonare il proprio pene a quello degli altri serva unicamente ad intaccare la propria o l’altrui autostima. 

Ma, a titolo esclusivamente informativo e per trattare il tema dell’anatomia del pene a 360 gradi, ti forniremo questa informazione. Un pene a riposo, non in erezione, misura mediamente nove centimetri di lunghezza e nove centimetri e mezzo di diametro. 

È molto importante sapere che non esiste alcuna correlazione tra le dimensioni di un pene allo stato flaccido e le dimensioni di un pene nello stato di erezione. Non so dirti se sia o meno il tuo caso, ma è stato dimostrato che alcuni peni relativamente “piccoli” allo stato flaccido raggiungono con l’erezione delle dimensioni piuttosto notevoli

Anatomia pene: dimensioni in stato di erezione

Così come nel paragrafo precedente ti ho parlato della grandezza media di un pene allo stato flaccido, ora ti parlerò delle dimensioni medie ti un pene in uno stato di erezione. Le dimensioni medie di un pene in erezione sono di circa tredici centimetri di lunghezza e di circa undici centimetri di diametro.

Quando si parla di dimensioni del pene saranno queste ultime le somme che si utilizzeranno come riferimento, in quanto queste sono cifre che non cambiano. Quelle del pene flaccido, invece, possono variare a seconda dei diversi fattori elencati precedentemente. 

Se le misure del tuo pene in erezione sono inferiori a quelle appena citate non devi preoccuparti perché ad oggi esistono integratori cento per cento naturali come Virgostill che risolvono totalmente questi problemi. Se questo articolo ti è stato utile non esitare a venire nel nostro blog e sui nostri canali social!

CarrelloX
Il tuo carrello è vuoto
Add to cart